Nave della Marina torna dalla missione con 700 kg di sigarette di contrabbando, è bufera

Sigarette di contrabbando a bordo della nave militare

Un vero e proprio uragano mediatico quello che sta per essere scatenato dal programma televisivo Le Iene. Secondo quanto trapelato da fonti attendibili, sembrerebbe che una nave della Marina Militare Italiana in missione a Tripoli per la questione sbarchi e immigrazione, sarebbe rientrata al porto di Brindisi con 700 kg di sigarette di contrabbando.

Pubblicità

A rivelare l’assurda vicenda il programma tv Le Iene

Si tratta di un’inchiesta del programma Tv che andrà in onda a partire dal prossimo 30 settembre. Su Italia 1 sarà svelato quanto accaduto. Secondo quanto trapelato, sembrerebbe che la nave Caprera della Marina Militare Italiana era di rientro da una missione a Tripoli. Missione durata 108 giorni con il compito di segnalare alle autorità libiche le imbarcazioni cariche di migranti e dirette verso l’Italia. Al suo arrivo a Brindisi però, la nave sarebbe stata oggetto di un blitz da parte dei militari della Guardia di Finanza che avrebbero rinvenuto 700 kg di sigarette.

Uno scandalo che coinvolge la Marina Militare italiana

Un vero e proprio scandalo quello che sta per abbattersi sulle spalle della Marina Militare. Le autorità della Marina si difendono dall’accusa attraverso una nota e giustificando il ritrovamento delle bionde da parte dei baschi verdi. Secondo la nota infatti, sembrerebbe che le sigarette sarebbero state recuperate dalla nave Caprera a seguito di una “attività”. La Marina fa sapere che di quanto accaduto sarebbero state prontamente informate le autorità italiane.

Nota dolente però: sembrerebbe che la sera dello sbarco uno dei marinai che si trovava a bordo della nave Caprera sarebbe stato fermato con un borsone contente svariate stecche di sigarette.

Nave della Marina militare Italiana con a bordo 700 kg di sigarette.
Sigarette di contrabbando sulla nave della Marina Militare Italiana

Fonte

Immagini di repertorio dal web

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.